Intervista on the road a Lilit Asatryan - Vialogando
Vialogando è un progetto editoriale che vuole raccontare incontri, luoghi e volti on the road. Mossi dall’intima esigenza di vivere e condividere il mondo del nostro tempo in tutte le sue sfumature, partiremo dall’Europa alla volta della Siberia
mongol rally 2018, mongol rally team
1031
post-template-default,single,single-post,postid-1031,single-format-video,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Intervista on the road a Lilit Asatryan

Intervista on the road a Lilit Asatryan

A tre mesi dalla Rivoluzione di Velluto ci troviamo a Yerevan, la capitale dell’Armenia. Nonostante poche notizie siano giunte in Europa, è un momento storico per questa piccola nazione a cavallo tra Asia ed Europa e soprattutto tra un passato politico di corruzione e compressione delle libertà e un futuro pieno di speranza.

Abbiamo incontrato Lilit Asatryan, presidente della “Armenian Young Women’s Association” (AYWA), che ci ha raccontato nel salotto di Villa Delenda, una splendida casa storica in pieno centro dove è possibile pernottare, gli scopi e le attività dell’associazione. AYWA è un’organizzazione non governativa fondata nel 2014 senza scopo di lucro con l’obiettivo di migliorare lo status delle donne in Armenia, indipendentemente dall’affiliazione politica, dal background culturale, dall’origine etnica o da credo religioso. Le azioni e i progetti di AYWA per guidare il cambiamento sociale e raggiungere l’uguaglianza di opportunità per tutte le donne armene, sono un elemento determinante nel rendere la società più giusta e produttiva per tutti. L’obiettivo generale dell’organizzazione è rafforzare il ruolo delle giovani donne in tutti gli aspetti della società armena. In particolare ci ha raccontato del nuovo Centro “Nurik”, situato nella regione di Lori, che si occupa di fornire luoghi di lavoro per donne e persone con disabilità.

Speriamo che, anche grazie al nuovo governo, nei prossimi mesi le attività dell’associazione possano essere sempre più incisive nel trasformare la società armena verso un futuro migliore.

No Comments

Post A Comment