Intervista on the road a Mahsa Mohebali - Vialogando
Vialogando è un progetto editoriale che vuole raccontare incontri, luoghi e volti on the road. Mossi dall’intima esigenza di vivere e condividere il mondo del nostro tempo in tutte le sue sfumature, partiremo dall’Europa alla volta della Siberia
mongol rally 2018, mongol rally team
1050
post-template-default,single,single-post,postid-1050,single-format-video,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Intervista on the road a Mahsa Mohebali

Intervista on the road a Mahsa Mohebali

Ancora Tehran. Ancora questa città, e la sua forza irresistibile di intrecciare cultura, eccessi, diritti e futuro in un presente caotico e poliedrico. Ci troviamo in compagnia di Mahsa Mohebali, scrittrice, sceneggiatrice e critica letteraria. Nata nel 1972 nella città in cui vive, si è laureata in discipline della musica. Ha vinto due volte il prestigioso premio letterario Golshiri per la raccolta “L’lamore a piè di pagina” (2004) e il romanzo “Non ti preoccupare” (2008), in cui racconta le avventure di una ragazza tossicodipendente in una Tehran minacciata da un terribile terremoto. Entrambe le opere sono stata adattate per il teatro e rappresentate in Iran, la seconda è stata anche tradotta e pubblicata in italiano. Una sensibilità davvero particolare con cui siamo subito entrati in empatia, che ci racconta la sua vita, i suoi lavori, e l’amore e la fatica di vivere in una metropoli come Tehran con un regime politico che reprime libertà e diritti fondamentali. Una testimonianza davvero preziosa per capire meglio l’Iran di oggi attraverso le parole di chi ne è parte.

No Comments

Post A Comment