Team - Vialogando
Vialogando è un progetto editoriale che vuole raccontare incontri, luoghi e volti on the road. Mossi dall’intima esigenza di vivere e condividere il mondo del nostro tempo in tutte le sue sfumature, partiremo dall’Europa alla volta della Siberia
mongol rally 2018, mongol rally team
293
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-293,page-parent,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

THE TEAM – COLOURS SEEKERS

10 anni di differenza, 10 giorni per decidere. E una storia intessuta dal destino ancora tutta da scrivere.

 

Ci siamo conosciuti in un centro commerciale, il non luogo forse perfetto per progettare grandi sogni. Speranza, angoscia, diffidenza. Venivamo da strade diverse.
Uno di noi ha cullato il sogno di partire per mesi e, quando l’amico con cui aveva messo le basi del progetto, ha preso un’altra strada, non si è dato per vinto.
L’altro era reduce dal giro del Mondo, dopo il quale pensava di concentrare le energie su altri progetti e appendere lo zaino al chiodo, almeno per qualche tempo.

 

Ma la vita rimescola sempre le carte ed eccoci quindi insieme a portare avanti un progetto a cui entrambi non potevamo resistere e a coinvolgere per un tappa anche un’amica fotografa. Siamo ragazzi pieni di energia e di amore per la vita e da qui il nostro nome: Colours Seekers. Cercatori di quei colori che sono sfumature culturali lungo la via della Seta, così come energia negli occhi dei nostri incontri. Sarà quindi attraverso la conoscenza dell’Altro e dell’altrove che proveremo ad aumentare il nostro spettro cromatico e a cercare quei colori primari visibili a tutti, chiamati valori universali.

 

Con la speranza di arrivare al traguardo finale con più ricchezza nei nostri occhi e in quelli di chi ci seguirà in questa meravigliosa avventura di vita.

fumetto-vialogando

Giacomo Iachia

“La mia strada è quella che lascio alle spalle. Tutto il resto è avventura.”

Il mio primo ricordo è il rombo di una motocicletta, le braccia di mio padre che mi sollevano e la strada che si dipana oltre l’orizzonte. Mi piace il mistero, la velocità, osservare le persone e reggere il silenzio senza imbarazzi. Mi piacerebbe dirvi che sono “un pittore che non vende quadri, dipingo soltanto l’amore che vedo e alla società non chiedo che la mia libertà.” Sono cresciuto a Venezia, impregnandomi d’un romanticismo decadente che mi ha trasmesso un amore incondizionato per la lettura, la scrittura e la fotografia; passioni a cui si sono presto aggiunti gli scacchi e la vela: altre due facce di un lungo viaggio a cavallo tra geografia e immaginazione. Dopo la laurea in Relazioni Internazionali all’Università Cattolica di Milano, ho cominciato a viaggiare. Sono stato in Etiopia con l’associazione In Missione Onlus, presso un centro medico nella regione di Gambela; poi nei Paesi Bassi, per svolgere il Servizio Civile Internazionale, in Australia e Nuova Zelanda, dove ho lavorato per una multinazionale, fino in Madagascar. Dove l’esperienza è stata folgorante, culmine di un cammino di crescita personale e allo stesso tempo atto rivoluzionario. Al rientro in Italia mi sono diplomato a Roma in Management del Turismo Sostenibile progettando la nascita della start-up “I Viaggi di Corto Maltese”: l’incontro con Kel 12, Tour Operator leader in viaggi culturali, è stato un segno del destino. Dopo quattro anni di lavoro e sacrifici, e dopo aver visitato più di 50 Paesi, ora è tempo di rimettersi in marcia.

Luca Negro

“Mai ti è dato un desiderio senza che ti sia dato il potere di realizzarlo.”

Sono nato e cresciuto nella zona di Savona.
Curioso per natura, con un debole per la geografia e le mappe fin dall’infanzia. Ho da sempre esplorato ed osservato intensamente quello che ho attraversato nella vita, giusto o sbagliato che fosse. A 20 anni la prima esperienza lavorativa a Londra ha cominciato ad aprirmi la mente e nello stesso anno è arrivato il primo vero viaggio, in Ecuador. Immerso in un mondo completamente diverso dalle mie abitudini, nel mare verde della giungla amazzonica, è stata un’esperienza che mi ha reso consapevole della vastità di opportunità che esistono nel nostro passaggio temporale e mi ha fortemente invogliato a voler vivere sempre di più questo pianeta, viaggiandolo. Un tortuoso percorso scolastico mi ha portato, dopo anni di interruzione, a diplomarmi e poi a laurearmi in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli Studi di Genova, con una tesi di laurea su “La fotografia come strumento narrativo del viaggio”.
Arte, creatività e fotografia sono le mie grandi passioni, ma la cultura in generale piano piano è diventata una necessità per accrescere la ristrettezza degli spazi reali e mentali che altrimenti mi soffocherebbero. Da 13 anni collaboro con la cooperativa A. Bazzino di Savona, dove un buon rapporto umano costruito negli anni mi ha permesso di esprimere la mia innata necessità di libertà caratteriale. Così ho continuato a viaggiare, a scrivere, a fotografare, a coltivare i miei interessi fino ad arrivare a questa nuova avventura.
Da 7 anni e mezzo sono padre di Andrea. Da quando c’è lui non sono più solo, so che un giorno le mie avventure saranno delle porte aperte affinché possa trovare la sua strada.

Luca Negro

“Mai ti è dato un desiderio senza che ti sia dato il potere di realizzarlo.”

Sono nato e cresciuto nella zona di Savona.
Curioso per natura, con un debole per la geografia e le mappe fin dall’infanzia. Ho da sempre esplorato ed osservato intensamente quello che ho attraversato nella vita, giusto o sbagliato che fosse. A 20 anni la prima esperienza lavorativa a Londra ha cominciato ad aprirmi la mente e nello stesso anno è arrivato il primo vero viaggio, in Ecuador. Immerso in un mondo completamente diverso dalle mie abitudini, nel mare verde della giungla amazzonica, è stata un’esperienza che mi ha reso consapevole della vastità di opportunità che esistono nel nostro passaggio temporale e mi ha fortemente invogliato a voler vivere sempre di più questo pianeta, viaggiandolo. Un tortuoso percorso scolastico mi ha portato, dopo anni di interruzione, a diplomarmi e poi a laurearmi in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli Studi di Genova, con una tesi di laurea su “La fotografia come strumento narrativo del viaggio”.
Arte, creatività e fotografia sono le mie grandi passioni, ma la cultura in generale piano piano è diventata una necessità per accrescere la ristrettezza degli spazi reali e mentali che altrimenti mi soffocherebbero. Da 13 anni collaboro con la cooperativa A. Bazzino di Savona, dove un buon rapporto umano costruito negli anni mi ha permesso di esprimere la mia innata necessità di libertà caratteriale. Così ho continuato a viaggiare, a scrivere, a fotografare, a coltivare i miei interessi fino ad arrivare a questa nuova avventura.
Da 7 anni e mezzo sono padre di Andrea. Da quando c’è lui non sono più solo, so che un giorno le mie avventure saranno delle porte aperte affinché possa trovare la sua strada.

Alice Falco – in viaggio dall’Armenia all’Iran

“A qui tempi c’erano ancora molti spazi vuoti sulla terra, e quando ne vedevo uno che sulla carta pareva particolarmente invitante (me lo parevano tutti) ci mettevo un dito sopra e dicevo: quando sarò grande ci andrò.”

Sognavo di diventare come Indiana Jones, ci sto lavorando, ma il cappello manca ancora! Da sempre affascinata dal voler conoscere popoli lontani, ho conseguito una laurea in Lingua e Cultura Araba all’Università La Sapienza di Roma, una passione che ho cercato di far sposare con la fotografia, compagna di avventure fin da bambina, quando mio padre mi fece scoprire la magia della camera oscura. Adesso fotografare è diventata la mia professione, che cerco di svolgere osservando il mondo con uno sguardo sempre nuovo, curioso e aperto.